Cannabinoidi ed endocannabinoidi: il taglio

La cannabis è cresciuta di recente in popolarità con la depenalizzazione del suo uso in molti paesi del mondo, tra cui la Spagna. Qui a Barcellona abbiamo una fiorente cultura della cannabis, con i nostri club dell'erba e le associazioni di cannabis dove si possono trovare prodotti di marijuana della migliore qualità. In effetti, la marijuana a Barcellona è ampiamente considerata tra le migliori al mondo, grazie al clima favorevole della regione per la coltivazione della pianta.

Anche se abbiamo consumatori accaniti e competenti in materia di ceppi e pratiche, ci sono ancora termini scientifici e processi chimici che avvengono a livello molecolare che la maggior parte delle persone non conosce. Potreste aver già sentito la parola endocannabinoide, ma non siete sicuri del suo significato. In questo articolo vedremo cosa sono e quali sono le differenze tra cannabinoidi ed endocannabinoidi.

Sistema endocannabinoide

Non molti sanno che all'interno del nostro corpo esiste un complesso sistema di recettori, enzimi e molecole di segnalazione chiamato Sistema Endocannabinoide (ECS). L'ECS aiuta a regolare diversi processi fisiologici, come il dolore, l'umore, l'appetito e la funzione immunitaria, tra gli altri.

Che cos'è un endocannabinoide?

Gli endocannabinoidi sono un tipo di molecola presente naturalmente nel corpo umano e fanno parte del sistema endocannabinoide (ECS). La struttura degli endocannabinoidi è simile a quella di altre sostanze chimiche presenti nella pianta di cannabis, chiamate cannabinoidi, da cui la somiglianza dei nomi.

Cosa sono i cannabinoidi?

Il termine "cannabinoide" è stato coniato per la prima volta negli anni '40, quando gli scienziati hanno isolato e identificato il composto psicoattivo THC dalla pianta di cannabis. Da allora, il termine è stato utilizzato per indicare un gruppo eterogeneo di composti chimici in grado di interagire con il sistema endocannabinoide dell'organismo, indipendentemente dal fatto che la sostanza provenga o meno dalla pianta di marijuana. Questo perché nel tempo gli scienziati hanno scoperto che i cannabinoidi non sono esclusivi della pianta di cannabis e si trovano anche in altre piante e nel corpo umano. Pertanto, sebbene la maggior parte dei cannabinoidi si trovi nella pianta di cannabis, il termine "cannabinoide" viene ora utilizzato in modo più ampio per indicare una classe di composti che interagiscono con il sistema endocannabinoide, indipendentemente dalla loro origine.

Cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis

Nella pianta di cannabis sono stati identificati più di 100 cannabinoidi, ma i più noti sono il THC e il CBD. Il THC è responsabile dell'effetto "high" associato all'uso di marijuana, mentre il CBD è un cannabinoide noto per i suoi effetti rilassanti e sedativi che è stato utilizzato per vari scopi medicinali. Alcuni degli altri cannabinoidi noti sono il cannabigerolo (CBG), il cannabicromene (CBC) e il cannabinolo (CBN).

Il CBG è noto per i suoi possibili effetti antibatterici e per la sua capacità di stimolare l'appetito. La CBC è stata studiata per i suoi possibili effetti antinfiammatori e analgesici, nonché per la sua capacità di promuovere la neurogenesi (creazione di nuovi neuroni). Il CBN è un cannabinoide leggermente psicoattivo che si ritiene abbia effetti sedativi e possa essere utile per il sonno.

Sebbene la ricerca su questi cannabinoidi sia ancora nelle fasi iniziali, tutti si dimostrano promettenti per i loro potenziali effetti terapeutici. Molti prodotti a base di cannabis ora includono questi altri cannabinoidi oltre al THC e al CBD, poiché i consumatori cercano i potenziali benefici dell'approccio alla terapia con la "pianta intera".

Recettori del sistema endocannabinoide

Il nostro sistema endocannabinoide è costituito principalmente da due tipi di recettori: i recettori CB1, che si trovano nel cervello e nel sistema nervoso centrale, e i recettori CB2, che si trovano nel sistema immunitario e nella pelle. Il nostro corpo produce endocannabinoidi per mantenere l'equilibrio e l'omeostasi dell'organismo e queste sostanze chimiche si legano ai recettori CB1 e CB2. Come già detto, i cannabinoidi presenti nella pianta di marijuana assomigliano a quelli prodotti nel nostro corpo e possono quindi legarsi agli stessi recettori CB1 e CB2. A seconda del cannabinoide, si producono effetti diversi nel nostro cervello e nel nostro corpo. Ad esempio, il THC è noto per produrre un effetto euforico e la perdita di coordinazione, ma provoca anche effetti aggiuntivi e fornisce alcuni benefici per la salute, come il sollievo dal dolore, il rilassamento, la regolazione dell'ansia, il vomito e le convulsioni.

Conclusione

I cannabinoidi e gli endocannabinoidi sono nomi di composti chimici simili, con la differenza che questi ultimi sono prodotti e presenti nel corpo umano. Entrambi i tipi di molecole possono legarsi ai recettori presenti nel cervello e/o nella pelle e, a seconda del cannabinoide in questione, producono effetti diversi e possono aiutare a regolare il sonno, l'umore, l'ansia o l'appetito, oppure a prevenire la nausea o i tremori cerebrali o a diminuire l'infiammazione, tra le altre cose.

Lascia un commento

libri su zlibrary
it_ITIT