Attualmente, il dibattito sulla legalizzazione e sull'uso della cannabis ha acquisito importanza in varie parti del mondo. Mentre sempre più Paesi ne hanno legalizzato l'uso terapeutico, molte nazioni mantengono ancora leggi restrittive che ostacolano l'accesso dei pazienti a questa alternativa terapeutica. In questo articolo analizzeremo se le leggi sulla cannabis medica in alcuni casi violano il diritto delle persone di accedere alla medicina e di fare la loro scelta terapeutica.

Il divario tra legislazione e prove scientifiche:

Uno dei principali punti di contestazione è la discrepanza tra le leggi attuali e le crescenti prove scientifiche a sostegno dell'uso terapeutico della cannabis. Numerosi studi hanno dimostrato i potenziali benefici della cannabis nell'alleviare diverse condizioni mediche, come il dolore cronico, l'epilessia, il cancro e i disturbi neurologici. Tuttavia, molti sistemi legali continuano a considerare la cannabis come una sostanza pericolosa e priva di valore medico, il che è contraddetto dalle prove disponibili.

Accesso limitato alla medicina:

Le leggi restrittive impediscono a coloro che potrebbero trarre beneficio dalla cannabis terapeutica di accedervi in modo sicuro e legale. Essendo una pianta che può essere coltivata in casa e può fornire un rimedio per una varietà di condizioni mediche, le leggi attuali violano i diritti delle persone non permettendo loro di coltivarla nella privacy della propria casa. È ironico che chi ricorre all'autocoltivazione o alla produzione casalinga di oli ed estratti vada incontro a possibili sanzioni legali.

Diritti umani e libertà di scelta terapeutica:

L'accesso alla medicina, compresa la cannabis, è un diritto umano fondamentale. Le leggi restrittive che impediscono l'accesso a trattamenti medici sicuri ed efficaci sono una violazione di questo diritto. Ogni individuo dovrebbe avere la libertà di scegliere il trattamento che ritiene più appropriato per la propria condizione medica, in consultazione con gli operatori sanitari. Negare loro questa scelta significa limitare la loro autonomia e il loro benessere.

La necessità di un cambiamento legislativo:

È tempo che il sistema legale si metta al passo con la realtà e adotti un approccio più progressista alla cannabis terapeutica. Ciò significa rivedere e riformare le leggi attuali per consentire un accesso sicuro e legale a questa alternativa terapeutica. È necessario introdurre normative chiare e basate su prove di efficacia per garantire un'adeguata qualità, sicurezza e controllo nella produzione e distribuzione della cannabis terapeutica.

Programmi di studio obsoleti:

Molti professionisti della salute che praticano oggi non sono stati formati o educati all'uso della cannabis come alternativa medica. Questo include i professionisti della psichiatria. Questo perché le scoperte scientifiche sulle applicazioni terapeutiche della pianta sono così recenti che le università non utilizzano ancora la letteratura contenente queste informazioni. Naturalmente ci sono molti, moltissimi medici e scienziati che sono consapevoli dei benefici della cannabis, ma è grazie alle loro preoccupazioni e alle loro ricerche, non perché sono state dettate da un organismo educativo.

Cannabis a Barcellona:

Nella nostra città, ad esempio, da anni ci sono dispensari di cannabis e weed club dove le persone possono consumare cannabis in un ambiente sociale senza infrangere la legge. È anche possibile per chi vive qui coltivare la pianta e consumarla a casa, ma non sono molti i paesi e le città che stanno allentando le loro leggi sulla cannabis.

Conclusione:

Una volta dimostrato che una sostanza è un farmaco, soprattutto se si tratta di qualcosa di naturale come una pianta, diventa parte della scelta del paziente se utilizzarla o meno per il trattamento. La legge non può vietare l'uso di tale sostanza, ma deve regolamentarlo. Possiamo solo sperare che nei prossimi anni la legislazione venga rivista e che tutta la popolazione possa avere accesso ai prodotti a base di cannabis, anche se a scopo terapeutico.

Lascia un commento

libri su zlibrary
it_ITIT